Le Cicatrici

Le cicatrici causate dal piercing all’ombelico

Idee su come migliorare una cicatrice da piercing all’ombelico.

Il Piercing all'ombelico, è diventato sempre più comune negli ultimi decenni. Come si mette il piercing all’ombelico si toglie, ma il risultato potrebbe riservare delle amare sorprese. Che tipo di sorpresa? Una antiestetica cicatrice.

Cosa si può fare per migliorare l’aspetto della cicatrice da piercing all’ombelico?

Ecco alcuni suggerimenti per affrontare anche il post piercing senza soffrire troppo.

 

Il piercing all’ombelico non conosce differenze di genere. Sia i maschi che le femmine lo applicano, e si mette di tutto, dagli anelli alle palline, gioielli che possono essere veri o falsi, ma si possono usare anche materiali diversi, dai metalli preziosi ad oggetti “tribal”.

 

Cosa accade quando si decide di rimuovere il piercing?

 Un piercing non è per sempre, può essere rimosso, ma la cicatrice da piercing all’ombelico resta per sempre.

Coloro che scelgono di togliere monili e gioielli dall’ombelico hanno una sorpresa, che in genere si manifesta in una sgradevole cicatrice, soprattutto se il piercing in qualche modo ha subito un trauma.

Le cicatrici ipertrofiche o cheloidi sono un tipo di cicatrice che è una delle complicazioni più comuni del piercing all’ombelico.

 

Perché si formano le cicatrici da piercing all’ombelico? Le cause più comuni sono:

- Una guarigione non corretta  
- Un trauma: ad esempio se si tira o si strappa accidentalmente
- La scelta di gioielli e monili non idonei

 

Dopo aver fatto un piercing all’ombelico sono richiesti minimo sei mesi per guarire completamente e se qualcosa va storto o non si presta la massima attenzione nel periodo di guarigione della ferita, si possono presentare le complicazioni che abbiamo appena elencato.

 

Come si possono eliminare le cicatrici ipertrofiche causate dal piercing all’ombelico?

 La cicatrizzazione ipertrofica è una complicanza comune del piercing a causa di un trauma che subisce il tessuto in fase guarigione. Questo trauma può essere provocato da:

- attività sportiva intensa
- indossare degli indumenti non adatti
- un'infezione a causa di una terapia impropria.
 

 I movimenti eccessivi possono provocare  dei traumi, aumentando il rischio di formazione di cicatrici da piercing all'ombelico in coloro che svolgono attività sportiva o comunque che sono molto attivi.

Una cicatrice ipertrofica è limitata alla zona lesa e può migliorare nel tempo, ma c'è il rischio che rimarrà per sempre.

Il modo migliore per prevenire le cicatrici, è di seguire meticolosamente le istruzioni e la terapia post-piercing consigliata del piercer.

 

L'Associazione dei Piercers professionali americani raccomanda di:  

- inumidire il piercing una o due volte al giorno in una soluzione salina calda
- Lavare subito dopo l’inserimento con sapone antibatterico e antimicrobico
- Mantenere le mani lontano dal piercing mentre guarisce, in questo modo si riduce il rischio di trasmissione di batteri che possono portare a infezioni
- Indossare abiti larghi, in questo modo si aiuta a prevenire il rischio di sbavature e di strappare il tessuto nella zona dove è stato fatto il piercing
- Trattamento topico

 

Il trattamento topico può essere fatto usando uno dei tanti trattamenti per cicatrici che sono disponibili sul mercato senza prescrizione medica. Ingredienti come silicone, vitamina E ed estratto di cipolla, sono in genere alla base di queste creme che possono ridurre l'arrossamento delle cicatrici, se usate costantemente. Massaggiare la cicatrice può aiutare ridurre l’ispessimento e correggere una anomala formazione delle fibre di collagene, riducendo al minimo le zone sollevate e lo scolorimento della pelle.

Tuttavia, poiché un piercing crea una vera e propria fessura o fistola, il foro stesso può rimanere visibile per sempre. La visibilità della fessura dipenderà da fattori come:
- Una corretta guarigione
- Il tempo di permanenza del piercing

 Si può ricorrere alla chirurgia plastica per le fistole nel caso in cui siano molto evidenti ed imbarazzanti. Un dermatologo qualificato o un chirurgo plastico sono in grado di suggerire la soluzione migliore per il trattamento della fistola.
 

 Quali sono i trattamenti più diffusi e che danno il migliore esito?
- Trattamento chirurgico per rimuovere una fistola. Un vero e proprio interevento chirurgico che grazie ad una sutura “ricuce” la pelle
- Corticosteroidi. l’uso di iniezioni di corticosteroidi che possono contribuire ad appiattire e ridurre la visibilità della cicatrice
- Crioterapia. la crioterapia, che usa l’azoto liquido applicato direttamente sulla cicatrice per ridurla al minimo
- I Laser a luce pulsata e resurfacing possono rimuovere il rossore da una cicatrice da piercing all'ombelico.

 

Vediamo però di rispondere alle domande che potrebbero sorgere quando si decide di togliere il piercing.

Perché si formano le cicatrici da piercing all'ombelico?

Una cicatrice ipertrofica è una protuberanza di tessuto cicatriziale che si forma attorno alla fessura del piercing. Le cicatrici ipertrofiche possono verificarsi con qualsiasi piercing, ma sono particolarmente frequenti con piercing alle orecchie e alle narici. I casi più gravi, tuttavia, possono richiedere una visita da un dermatologo per guarire completamente. Tutte le riparazione di ferite portano alla formazione di cicatrici.

La cicatrice rimane visibile per sempre?

Le cicatrici possono avere consistenza e colore diverso. Se il piercing non viene eseguito da un professionista, il rischio di cicatrici visibili è molto più elevato. Se il piercing è vecchio la cicatrice diventa normalmente sempre meno visibile, che praticamente corrisponde alla tonalità della pelle circostante.

È possibile che il piercing all’ombelico aumenti il rischio di formazione di smagliature durante la gravidanza?

Si. Nei primi mesi di gravidanza il piercing all'ombelico non causerà alcun problema. Ma, come la pancia cresce, il piercing si può allungare e ingrandire. I gioielli potrebbero essere imbrigliati negli indumenti con  conseguente infiammazione e possibili traumi. In genere i piercing più vulnerabili sono quelli che sono stati fatti dai 12 ai 18 mesi prima della gravidanza, questo accade perché il piercing impiega almeno 12 mesi per una completa guarigione.

Come si può migliorare l’aspetto della cicatrice usando dei prodotti a casa?  

La vitamina E è un rimedio molto efficace. Prima di massaggiare la cicatrice si devono sempre seguire norme igieniche di base come lavarsi le mani con un sapone meglio se antibatterico. Tutti i prodotti per il trattamento della cicatrice da piercing sull’ombelico vanno massaggiati usando una piccola quantità di prodotto. A seconda del prodotto che si sceglie si applicherà da un minimo di una ad un massimo di tre volte al giorno.

Come ci si sbarazza di una cicatrice da piercing all’ ombelico dopo la gravidanza?

Se dopo la gravidanza si sono formate le smagliature, che sono vere e proprie cicatrici, e la cicatrice del piercing è visibile, si potrà valutare una soluzione come quella di sottoporsi ad un intervento che utilizza tecnologie laser. Questo tipo di intervento deve essere deciso e valutato con medico.  

Ci sono altre idee su come migliorare una cicatrice da piercing all’ombelico?

Alcune donne scelgono di fare un altro piercing, tuttavia, se si dovesse decidere di essere un giorno “piercing free”  la cicatrice si rivelerà essere ancora più visibile rispetto a prima.

Le cicatrici da piercing all’ombelico sono per sempre ma di sicuro possono essere migliorate ed attenuate, un per sempre che non lascia segni profondi.