Le Cicatrici

Che cos'è il cheloide?

Che cos'è il cheloide e come si contrasta

Autore: Riccardo Guareschi 10/07/2012

Il cheloide è una delle cicatrici più temute in assoluto: questo difetto cutaneo infatti è molto visibile, di conseguenza è decisamente antiestetico e non di rado implica anche dei pruriti e dei fastidi.


Il cheloide è sostanzialmente un tumore benigno della pelle, che risulta anche sopraelevato rispetto al naturale livello della cute, inoltre questo difetto della pelle supera in grandezza la superficie del trauma che ha causato la cicatrice, e si accopagna ad arrossamenti ed evidenti discromie cutanee.


Le cause del cheloide possono essere molteplici: si tratta di una cicatrice generabile a seguito di un intervento chirurgico, con un'ustione, con un inadeguato trattamento di acne ed altre patologie cutanee o con eventi traumatici di varia natura.


Va precisato, tuttavia, che il cheloide non è pericoloso, ma è soltanto antiestetico, e come detto può causare dei piccoli fastidi come difficoltà a compiere dei movimenti (nel caso di cicatrici comparse in prossimità di articolazioni) oppure semplici pruriti.


Non vi sono dubbi, ad ogni modo, sul fatto che il cheloide sia un difetto estetico davvero notevole, anche nel caso in cui non compaia su una zona del corpo particolarmente esposta; da questo punto di vista, dunque, è assolutamente legittimo che una persona che convive, suo malgrado, con un cheloide, sia fortemente intenzionata a volerlo eliminare dal tessuto cutaneo.


Contrastare il cheloide, sicuramente, non è semplice: questa cicatrice, difatti, regredisce molto difficilmente, e nella grande maggioranza dei casi limitarsi ad utilizzare delle pomate per cicatrici oppure degli altri prodotti analoghi non è affatto sufficiente. Non bisogna dimenticare, peraltro, che il cheloide in molte occasioni tende a comparire in modo recidivo, anche quando sembra essersi definitivamente annullato.


I trattamenti più diffusi sono, da questo punto di vista, le infiltrazioni cortisoniche e gli interventi chirurgici, anche se a seguito di un'asportazione chirurgica, assai spesso il cheloide ricompare in maniera recidiva, anche in maniera ancor più evidente.


Per contrastare il cheloide, dunque, il consiglio fondamentale è quello di rivolgersi ad un medico specializzato, il quale possa valutare con attenzione le caratteristiche della cicatrice ed in generale della pelle, e suggerire così il trattamento più idoneo per far regredire questo difetto, anche la scelta di un gel per cicatrici di qualità può rivelarsi molto efficace per questo obiettivo.


La consulenza di un dermatologo, non ci sono dubbi, è determinante per quanto riguarda una cicatrice così particolare, e non bisogna assolutamente procedere attraverso modalità "fai da te" per risolvere il problema.


In alcuni casi, il dermatologo può suggerire di lasciar trascorrere del tempo affinchè il cheloide si secchi, in modo da poter intervenire in modo più agevole tramite trattamenti specifici, in altri casi, nel caso in cui il professionista lo ritenga opportuno, può suggerire al paziente di non perdere tempo e di intervenire subito per mezzo di trattamenti chirurgici per asportare questo vistoso problema di natura estetica.


Credere che un cheloide non possa essere cancellato, ad ogni modo, sarebbe sicuramente un grosso errore: anche questa cicatrice così ostica, infatti, può assolutamente essere eliminata dalla pelle se si interviene in modo oculato.


I gel per cicatrici ed i prodotti per uso topico, sebbene tradizionalmente non si siano mai rivelati particolarmente efficaci contro cicatrici di questa tipologia, sono stati protagonisti di miglioramenti davvero molto netti dal punto di vista qualitativo, di conseguenza possono assolutamente garantire anche in questi casi così particolari delle opportunità molto interessanti.


Lo stesso si può dire per quanto riguarda i trattamenti eseguiti tramite laser, una tecnica di ultima generazione che è subito riuscita a ritagliarsi degli spazi molto importanti dal punto di vista del contrasto ai difetti della cute, quali le cicatrici.


Con delle sedute molto rapide, nonchè completamente indolori, i trattamenti chirurgici eseguiti tramite laser possono offrire risultati davvero pregevoli anche per quel che riguarda queste cicatrici così impegnative, a condizione ovviamente che l'intervento sia affidato a personale esperto, e che lo studio a cui ci si rivolge sia in possesso dei macchinari di maggiore avanguardia.





ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI...

Dopo parto cesareo mi ritrovo cicatrice cheloidea.

Come agiscono le creme per cheloidi?

Cosa caratterizza le cicatrici cheloidi?